HOME CeSMAP DIDATTICA EVENTI MOSTRE LINK

INDICE PER ANNO

Mostre 2002
Sahara
Presentazione
Alcune immagini
Antiche biblioteche

Mostre 2001

Mostre 2000

Mostre 1999

Mostre 1998

Mostre 1997

ARCHEOLOGIA E ARTE RUPESTRE DEL SAHARA

Il CeSMAP, Centro Studi e Museo d'Arte Preistorica - Museo Civico di Archeologia e Antropologia di Pinerolo, presenta la Mostra "Archeologia e Arte Rupestre del Sahara", frutto delle ricerche
dell'Arch. Guido Faleschini in molti anni di missioni nel deserto più vasto del mondo.

Uomo dai molteplici interessi, Guido Faleschini si è occupato intensamente di svariate attività, dall'alpinismo allo sci, all'architettura, alla pittura, alla politica, continuando ancora oggi nello studio della preistoria sahariana attraverso missioni in Africa, continente del quale aveva avuto un primo sentore in famiglia in quanto il nonno paterno possedeva una collezione ottocentesca di reperti africani.

Ecco che cosa rappresenta il Sahara per Guido Faleschini: "Un giorno di tanti anni fa, dalla cima della grande piramide di Cheope vidi il deserto, ed una strana sensazione mi pervase come fosse un richiamo arcano.
Il 1975 fu l'anno del primo contatto reale con il deserto.
Ebbi allora a capire che cosa fosse il Sahara, al di là delle comuni cognizioni.
Compresi che il deserto non è solo sabbie, ma anche montagne, valli, canyon, guglie, archi naturali, fiumi fossili, il verde delle oasi, le grandi dune degli erg, le infinite sassaie dei reg e serir, ma anche la storia geologica e la storia recente delle sue genti e la preistoria dell'uomo con le testimonianze dei suoi strumenti litici,
delle sue pitture e graffiti dipinti ed incisi sulle rocce.
Un orizzonte di conoscenze nuove, che si ampliava sempre più con la sete di conoscere e di capire, mi si schiudeva ogni volta che ponevo il piede nel Sahara. È così che autonomamente divenni un ricercatore dell'arte rupestre".

Ogni essere umano ha dei grandi o piccoli sogni che aspira a realizzare, così per Guido Faleschini l'ambizione più grande, il suo grande sogno era quello di poter travasare la sua conoscenza del Sahara in una continuità temporale che solamente una istituzione museale poteva garantire. Questa istituzione è stata il CeSMAP.

Il Centro Studi e Civico Museo di Pinerolo si occupa di Africa e di Sahara in quanto da un decennio ospita periodicamente -ogni tre anni- il convegno di studi sahariani dell'AARS nella nostra città. Nel 1995 organizzò il primo congresso in Europa dell'IFRAO, International Federation of Rock Art Organizations, al Castello Reale del Valentino sotto l'alto patronato della Presidenza della Repubblica, istituendo una sezione sahariana ed allestendo nel Salone delle Colonne del Castello stesso una grande mostra internazionale sull'Arte Rupestre del Sahara. 

L'amico Guido, col quale da anni sussiste una cordiale collaborazione, ci ha proposto la donazione delle sue collezioni sahariane già appartenute alla sua famiglia, affinché potessero costituire un primo nucleo museale sull'archeologia africana in progressivo sviluppo. La sua proposta è stata accettata con entusiasmo essendo in linea con le nostre finalità museali e con i nostri programmi di ricerca.

Le collezioni, attualmente allestite nella sala principale del medievale Palazzo del Senato in Via Principi d'Acaja, troveranno idonei spazi nella definitiva sede del CeSMAP -unitamente a tutte le altre sezioni del Civico Museo di Arte Preistorica, Archeologia e Antropologia- nel settecentesco Palazzo Vittone, secondo gli intenti dell'Amministrazione Comunale che ha così dato un assetto ottimale al sistema museale di Pinerolo.


Il Direttore del Civico Museo di Arte Preistorica
Prof. Dario Seglie